Durante i suoi 10 anni di storia il RUO si è saputo adattare alle diverse dinamiche e necessità del diritto penale e del diritto comparato, approfondendo le questioni più significative in modo dinamico e competente. Il Centro, grazie alla varietà dei profili e delle esperienze dei suoi componenti e dei suoi collaboratori è riuscito ad occuparsi sempre con successo di svariate questioni legate al diritto comparato: dalla medicina, alla responsabilità penale di varie figure, fino alla comparazione di natura più accademica tra diversi sistemi giuridici, con particolare attenzione a sistemi di Common Law. Oggi il RUO, mantenendo sempre la sua natura di centro di ricerca sulla comparazione giurdica, continua il suo processo di rinnovamento guardando al presente e al futuro. Grazie all’instancabile lavoro del team, il RUO ha aggiunto di recente nuove aree di studio e di analisi, che sta sviluppando da molti punti di vista:

 

  • Il settore della pesca illegale e dei vari sistemi sanzionatori (IUU fishing):          Nel 2015 Federpesca e il Dipartimento Regionale siciliano della Pesca hanno commissionato al RUO uno studio sui diversi sistemi sanzionatori sulla pesca illegale in Europa. Lo studio è in corso di pubblicazione e ha già avuto un grande risalto internazionale. Il RUO infatti è stato invitato alla riunione del gruppo scientifico dell’Università di Lund, organizzato in collaborazione con la World Maritime University di Malmo, in Svezia, per esporre il proprio lavoro e discutere del tema della pesca illegale in Europa.

 

  • Gli aspetti penali dell’immigrazione: lo human trafficking e la tratta
  • Le legislazioni nazionali sulla questione della lotta al terrorismo, con particolare riguardo all’area del mediterraneo
  • La questione del rapporto tra prevenzione patrimoniale, criminalità organizzata e corruzione

Oops! Forse il tuo browser è troppo vecchio per visualizzare la pagina, aggiornalo e torna a trovarci!